Il Legno e le sue caratteristiche
Osservando il tronco di una qualsiasi pianta, procedendo dall’esterno verso l’ interno, troviamo le seguenti zone, ognuna con una ben specifica funzione: L’incremento dell’uso del legno degli ultimi anni e la sua...
Cosa è importante sapere
FUORIUSCITE DI RESINA In alcune specie legnose (più frequentemente nelle conifere) è possibile la presenza di sacche di resina. In questi casi, tali fuoriuscite sono pertanto da considerarsi caratteristica normale, non un difetto....
Il corretto uso dei serramenti e l'areazione dei locali
La qualità dell’aria all’interno di una casa è di primaria importanza per il benessere di chi ci vive. Infatti la presenza e l’attività delle persone negli ambienti chiusi genera polvere, fa aumentare la...
  Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!

La Storia della nostra Azienda

Capovalle, Secondo Decennio del Secolo scorso, è un borgo montanaro che vive di quello che la montagna concede a chi la abita e sfrutta cio che produce.
Oltre all’allevamento del bestiame è il legname che la fa da padrone, vengono tagliati gli alberi dai boschi e portati in pianura.
Intorno agli anni venti-trenta sorge la prima segheria, dove oggi c’è l’attuale magazzino, chi la gestisce è uno dal soprannome impossibile da pronunciare (LASCIO) che dopo un paio d’anni passa la mano a un tale Tabarelli della Degagna.
Primo Giorgi a metà degli anni trenta rileva la segheria con l’aiuto del fratello.
La segheria è “A LEGNA” e riesce ad andare avanti grazie ai lavori che l’allora Podestà Grazziotti affida per costruire scuole e municipio e ristrutturare altri edifici in paese.

Il lavoro era comunque duro si tagliavano alberi e si portavano,mondati dai rami con i muli a IDRO da dove partivano per la città.
Pini - Larici - Abeti - e anche noci e castagni, queste erano le tipologie lavorate.
Nel dopo guerra i figli di Primo, Umberto ed Ermenegildo prendevano in mano la segheria e grazie all’arrivo nei primi anni 50 della corrente 380 V. il lavoro decolla.
Si lavora sopratutto di notte, con turni, per sfruttare al meglio l’energia, anche dal lato economico.
Nei decenni successivi vengono divise i ruoli: Umberto ritira e si occupa soprattutto del settore della falegnameria comprando macchinari più adeguati ai tempi, mentre Ermenegildo acquista un terreno contiguo e vi edifica la  nuova segheria con l’introduzione di altrettante nuove macchine per il taglio in genere .
All’inizio degli anni 90  arriva in azienda la terza generazione: Emilio figlio di Umberto, che porta a frutto gli studi, Maturità Artistica con specializzazione nel Settore Legno.
Da prima affianca padre e zio, poi dal 2000 spicca il volo da solo con idee innovative.
Ristruttura la segheria e la trasforma in una struttura moderna con macchinari all’avanguardia di nuova generazione, con un occhio di riguardo alla Sicurezza sul lavoro, all’Ambiente e alla Qualità dei prodotti  seguendo tutte le ultime direttive Comunitarie.
All’interno del capannone, importante è il riciclo degli scarti di lavoro del legno per produrre energia alternativa e calore.
Si fabbricano mobili su misura di legno massello e infissi di tutti i tipi con particolare attenzione al MARCHIO DI SICUREZZA CEE, e ai protocolli ministeriali per raggiungere i requisiti di CASA CLIMA.
Adeguarsi alle Normative Europee è importane per essere competitivi nel mercato attuale, il legno viene lavorato nel rispetto del Risparmio Energetico e dell’Ambiente, materia viva e palpabile nella casa moderna.
La sfida è lanciata e continua, il lavoro è in costante crescita, guai a fermarsi, il secondo Decennio del Terzio Millennio è appena iniziato………